Ca’ Venier dei Leoni

Lorenzo Boschetti, a metà del XVIII sec., incaricato dalla famiglia Venier, progettò un edificio che riassumesse lo spirito dei due  architetti più rappresentativi per Venezia, Palladio e Longhena. Ca’ Venier dei Leoni, a causa di un dissesto finanziario del committente, subì un primo rallentamento ed un successivo arresto dei lavori di costruzione, visibile sulla parte che si affaccia sul Canal Grande.

Nel 1948, la collezionista americana Peggy Guggenheim lo acquista come dimora veneziana. L’anno successivo, dopo un restauro totale, nelle sue sale raccoglie una delle più importanti collezioni di arte moderna.