Chiesa di San Geremia

La Chiesa di San Geremia venne edificata nell'XI secolo, ricostruita più volte,  l' attuale versione è del 1753 su progetto di Carlo Corbelli. Prima di quest’ultima ricostruzione, la chiesa aveva un’unica facciata che dava verso Palazzo Flangini. Il prospetto che da sul Canal Grande rimase incompleto fino al 1871 quando, grazie al contributo economico del barone Revoltella, si potè ultimare. Il campanile in mattoni a vista, risale presumibilmente al XII secolo.

All'interno, le pareti piuttosto spoglie, sono compensate da opere di Palma il Giovane e Pier Antonio Novelli che, con le sue due statue di San Pietro e San Geremia Apostolo, del 1798, arricchisce l'altare . Nella chiesa sono conservate le spoglie di santa Lucia vergine e martire siracusana, una fra le più venerate della cristianità.